News

Informativa Privacy

Preghiamo gentilemente tutti i nostri assistiti di prendere visione del nuovo Regolamento europeo per la protezione dei dati personali UE/2016/679 (/public/file/informativa_privacy_2018.pdf) e restituirne copia firmata.

Ringraziando per l'attenzione porgiamo cordiali saluti.

 

 

+Leggi tutto
CONVENZIONE CON PATRONATO ANMIL

Per i nostri Associati abbiamo stipulato una nuova convenzione con il Patronato Anmil per numerose pratiche:

MODELLO 730 SINGOLO           € 20,00

MODELLO 730 CONGIUNTO     € 40,00

MODELLO UNICO                     € 40,00

Il Patronato si trova sopra la nostra sede in Via San Pio X, 38

Per eventuali informazioni e appuntamenti rivolgersi in sede ANMIC (telefono 0461911469 oppure mail info@anmic-tn.org

 

+Leggi tutto
COMUNICATO DIREZIONE NAZIONALE ANMIC

L'ANMIC DENUNCIA: “PRIORITÀ INVERTITE ED ECCESSO DI RIGIDITÀ"

E' uno scandalo, l'Inps vuole premiare con incentivi economici i medici che più taglieranno le prestazioni di invalidità civile.

Sembra incredibile, ma come si è purtroppo appreso dal giornale "Il Fatto quotidiano" l'Inps - con la determinazione presidenziale n. 24 firmata dal suo Presidente Boeri riguardante il "Piano delle Performance 2018-2020" - riconoscerà un sostanzioso incentivo economico ai medici dell'area medico-legale in base a quante prestazioni per malattia e invalidità riusciranno a revocare. In pratica, la loro efficienza sarà valutata anche iin base a quanto faranno "risparmiare" l'Istituto, tagliando o abbassando il grado di invalidità da riconoscere durante le visite di accertamento.

video Presidente Nazionale Anmic

+Leggi tutto
A tutti i Candidati alla Presidenza della Provincia di Trento In previsione della Giornata internazionale delle persone disabili del 3 dicembre, e delle elezioni provinciali del 21 ottobre 2018 preme a questa Associazione chiedere a tutti i candidati Presidenti, di porre la loro attenzione e pronunciarsi sui seguenti punti:

1) Diritto al lavoro
È opinione della scrivente associazione come, a fronte di un’integrazione scolastica nella scuola primaria e nella scuola secondaria, molto avanzata (sebbene con ombre più o meno estese) quello che fa problema è l’esito lavorativo.
Accenniamo qui non tanto al “dopo di noi”, già oggetto di interventi legislativi anche provinciali ma soprattutto al “dopo lo studio” (a compimento proprio dello sforzo di integrazione scolastica) che, dai dati riportati anche recentemente, evidenzia una situazione lavorativa di inadeguatezza.

+Leggi tutto
ON LINE IL NUOVO NOTIZIARIO DI DICEMBRE 2018

Avvisiamo tutti gli utenti che abbiamo messo online il nuovo notiziario dell'Associazione.

Lo potete trovare nella pagina dei nostri notiziari o cliccando qui

+Leggi tutto
TURISMO ACCESSIBILE

Il nuovo marchio sull'accessibilità delle strutture in Trentino.

Il marchio Open è una certificazione di qualità voluta dalla Provincia Autonoma di Trento e promossa da Accademia della Montagna del Trentino.

 

+Leggi tutto

Vivere emozioni in libertà

 

Archè è una cooperativa socio-assistenziale nata nel 2005...

...che eroga servizi alle persone disabili attraverso lo sport inteso come strumento per raggiungere obiettivi diversificati.

Archè è una rara e preziosa realtà del panorama nazionale che, sotto forma di impresa sociale, opera attraverso la pratica sportiva con la dichiarata volontà di permettere a chiunque di vivere emozioni, condividerle con altri e sperimentarsi in contesti inusuali. Le attività proposte sono state sperimentate negli anni anche grazie ad un team permanente e professionalmente preparato sia in ambito tecnico che in quello sociale; i nostri sport si possono praticare in due località strategiche del Trentino: sul lago di Garda e sul lago di Caldonazzo in quanto parliamo di vela e sup surfing.

A Riva del Garda, presso porto S. Nicolò è ormeggiata un'imbarcazione di 12,30 metri, costruita espressamente per essere accessibile, sicura e confortevole essendo stata progettata con l'aiuto di persone disabili e consulenti che lavorano nel settore degli ausili ed è ideale per le attività di gruppo e per svolgere progetti con obiettivi specifici oppure per viverla in compagnia di amici e/o familiari. Una barca dove l'equipaggio non è solo ospite, ma agisce con l'aiuto degli skipper come un vero team, ognuno con le proprie capacità e peculiarità. Mentre, sulla sponda nord del lago di Caldonazzo, presso il Centro Nautico Comunale, vi sono altre barche a vela con simili caratteristiche di accessibilità ma più piccole e pensate principalmente per le attività rivolte al singolo. Con esse si possono svolgere corsi di avviamento alla vela, giornate di puro divertimento o progetti individualizzati e/o personalizzati. 
Ma ora parliamo di Sup surfing! Un’attività che consiste nel remare in piedi su una particolare tavola da surf e che sta riscuotendo grande successo anche dovuto alla semplicità della pratica stessa. Il Sup surfing ha la capacità di coinvolgere, in modo diversificato tutti i muscoli del corpo, migliorare la coordinazione e l’equilibrio. Per quanto non sia praticabile da persone con disabilità motoria e/o ridotta mobilità, il Sup surfing è ideale (previo percorso specifico di avviamento) per persone con disabilità intellettiva e giovani in età evolutiva. Attualmente stiamo attuando un percorso sperimentale per le persone con autismo e sindromi correlate in collaborazione con l'Associazione genitori soggetti autistici del Trentino (Agsat). Quando pensiamo allo sport per persone disabili, spesso siamo convinti che non sia possibile superare certi ostacoli, siano essi strutturali o ideali; talvolta si ritiene che la pratica sportiva debba essere espressamente dedicata ai disabili con il rischio, però, di creare una “gabbia dorata” dove i rapporti interpersonali, per quanto virtuosi, rischiano di non avere apertura “all'esterno”, verso quel mondo che invece ha bisogno di conoscere la disabilità per la sua ricchezza e non solo come necessità di aiuto ed assistenza. 
La filosofia che ha contraddistinto la cooperativa Archè fin dalla sua nascita è ispirata a tre principi:

• il diritto di avere strumenti idonei per svolgere l'attività sportiva,
• il diritto di poterla praticare insieme agli altri,
• il diritto di poterla scegliere a seconda del piacere che essa regala

 Tutto questo non è sufficiente se non si parte anche da un altro importante presupposto: non è la persona a doversi adattare alla pratica sportiva ma viceversa, altrimenti viene vanificato il principio inclusivo e partecipativo che deve prevalere sopra ogni cosa, sopratutto quando ciò implica agire a favore di persone disabili. 
 
a cura di Gianluca Samarelli 
 
Informazioni:     www.arche-tn.itinfo@arche-tn.it  

I soci ANMIC possono accedere alle pratiche sportive di ARCHÈ con particolari sconti esibendo la tessera valida per l'anno in corso.

 

Gli amici di ANMIC
Associazione italiana di famiglie ADHD Fondazione ISAL Sportabili Predazzo