News

ON LINE IL NUOVO NOTIZIARIO DI DICEMBRE2019

Avvisiamo tutti gli utenti che abbiamo messo online il nuovo notiziario dell'Associazione.

Lo potete trovare nella pagina dei nostri notiziari o cliccando qui

+Leggi tutto
VARIAZIONE ORARIO UFFICI

 

Si comunica che i nostri uffici A.N.M.I.C. seguiranno la seguente variazione di orario a partire dal 1° ottobre 2019.

LUNEDI' 8.30 - 12.30

MARTEDI' 8.30 - 12.30

MERCOLEDI' 8.30 - 12.30

GIOVEDI' 8.30 - 12.30  e  14.00 - 17.00

VENERDI' 8.30 - 12.30

 

+Leggi tutto
NASCE LA FAND PROVINCIALE In data 12 settembre 2019 si è costituita la sezione trentina della Fand.

Ma che cos’è la Fand?

E’ la Federazione di tutte le Associazione storiche Nazionali dei disabili, ed è composta da: • ANMIC Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili • ANMIL Associazione Nazionale Mutilati Invalidi del Lavoro.
• ENS Ente nazionale sordomuti
• UIC Unione Italiana ciechi e ipovedenti
• UNMS Unione Nazionale Mutilati Invalidi per Servizio
• ANGLAT Associazione Nazionale Guida legislazione handicap.

Attualmente la Fand conta a livello nazionale 800.000 iscritti e rappresenta circa 2.600.000 disabili.

+Leggi tutto
Tesseramento 2020

Gentili utenti,

vi ricordiamo che è aperto il Tesseramento per l'anno 2020, saremo a Vostra disposizione per curare i Vostri interessi.

Cliccando sull'immagine si potrà scaricare il modulo utile all'iscrizione.

Le modalità di pagamento possono essere:

  • direttamente in sede Anmic
  • tramite bollettino postale sul conto 17182387
  • tramite bonifico bancario IT 50C083 0401 8040 0000 3080681

Contattaci direttamente in ufficio o al telefono 0461/911469.

 

 

+Leggi tutto

Arte e disabilità

 

Il nostro laboratorio ”Arte e disabilità” è servito ad aprirci ambienti dove venivamo quasi sempre accettati con pietismo

Nella veste di responsabile del progetto ho il desiderio di informare e ribadire quanto sia importante interagire con il resto della società per sensibilizzarla verso le nostre problematiche.
Qualche volta sono state fatte delle critiche ad esempio, sul metodo che abbiamo intrapreso occupandoci di pittura e di arte in genere, ritenendo tale impegno come una inutile perdita di tempo. Va da se, che il nostro compito principale è di tutelarci a livello legislativo e difenderci dal tentativo di impoverimento del nostro stato sociale. Ma chi, se non noi stessi possiamo proporci con iniziative innovative, che mettano in evidenza le nostre capacità e le nostre intelligenze?
Ciò che è stato fatto in questi ultimi anni sta andando proprio in questa direzione.
Il nostro laboratorio”Arte e disabilità” è servito ad aprici ambienti dove venivamo quasi sempre accettati con pietismo o comunque come problema sociale da evitare, considerandoci quasi sempre per ciò che non siamo in grado di fare. La mostra che abbiamo allestito a Borgo Valsugana ci ha permesso invece un confronto diretto con una generazione intera di ragazzini della 4a elementare sostenuti per ciò che non siamo in grado di fare.
La mostra che abbiamo allestito a Borgo Valsugana ci ha permesso invece un confronto diretto con una generazione intera di ragazzini della 4a elementare sostenuti e accompagnati dalle loro insegnanti per far vedere chi siamo e ciò che siamo in grado di proporre. Gli elaborati che i ragazzi
hanno prodotto, dimostrano quanto sia importante dare corrette informazioni soprattutto nei luoghi dove si lavora per formare i cittadini del domani. Dai loro interventi abbiamo capito quanto i bambini siano pronti a recepire in maniera spontanea le nostre problematiche, e quanto
grande sia il loro desiderio di offrire aiuto per cambiare in meglio le cose, proponendo possibili e fantasiose soluzioni. Questa partecipazione attiva ci fa capire di poter ritenere che, insistere con una campagna di informazione, di chi vive la disabilità in modo diretto e che, è anche in
grado di suggerire comportamenti di prevenzione in base alle proprie esperienze dirette non sia solo opportuno, ma anche di estrema utilità. L’ulteriore esperienza della collaborazione con il Liceo Antonio Rosmini di Trento e la preziosa partecipazione del Laboratorio Montessori ha permesso un serrato confronto fra la nostra Associazione, gli insegnanti e gli studenti, in questo caso più maturi, che ha portato alla decisione comune di impegnarci a svolgere attività atte a promuovere quanto enunciato testualmente, “una cultura incentrata sui diritti di cittadinanza, di inclusione e di rispetto della persona, qualunque sia la sua condizione psicofisica”.
In tal senso noi abbiamo dato un supporto per affrontare l’argomento e la scuola lo ha sviluppato facendo operare gli studenti seguendo delle precise linee guida concordate. La collaborazione continua, si svilupperà per quest’anno scolastico con una mostra personale dell’artista Clara
Lunardelli, che fa parte del nostro progetto “Sogno, il mio corpo vola” inserita nel programma didattico “Arte e Scuola” seguito e sviluppato dal professore Aldo Bonomi. Con la professoressa Maria Nunzia Viglianisi del Laboratorio Montessori cercheremo invece di supportare un evento presso la città di Kempten in Germania, per consentire a un gruppo di studenti di confrontarsi con i loro coetanei tedeschi. L’impegno è importante
e se la scuola ha ritenuto essere un test valido per la crescita dei propri alunni, noi siamo ben lieti di offrire la nostra collaborazione ed esperienza. La mostra sulla disabilità che verrà proposta corredata da un complesso lavoro di preparazione effettuato dagli studenti avrà la durata di 15 giorni e sarà effettuata con il patrocinio del Comune di Trento. Dei risultati vi informeremo nella prossima pubblicazione.

Come potete constatare abbiamo iniziato a fare rete mettendo insieme persone che operano nelle istituzioni e che hanno mostrato interesse in ciò che proponiamo, rendendosi disponibili a mettersi in gioco. Di risultati parleremo in seguito.

 

a cura di Giangiorgio Gruber

 

 

Gli amici di ANMIC
Associazione italiana di famiglie ADHD Fondazione ISAL Sportabili Predazzo